Lo shopping è sempre più online: (email)commerce per aumentare le vendite


POST SPONSORIZZATO

aumentare le vendite con l'email commerce
Un’invasione silenziosa, che non prevede code in negozio, sacchetti della spesa, altri gesti e rituali dello shopping tradizionale. È il popolo dell’e-commerce, in vertiginosa crescita di anno in anno. Solo considerando il mercato italiano, il fatturato e-commerce ha raggiunto nel 2015 quasi i 28,8 miliardi di euro*; e su scala mondiale la vendita online ha rappresentato il 7,4% del mercato di vendita al dettaglio: 1.671 miliardi di dollari. Una tendenza che entro il 2019 raddoppierà il proprio valore, riservandosi un enorme margine di crescita.
In questo grande mercato, la comunicazione passa per l’email e lo smartphone: il canale e il supporto, in un rapporto che è destinato a consolidarsi come snodo decisivo nel dialogo tra brand e clienti. Tracciato il quadro, ecco alcune parole chiave per ottenere il massimo dall’email marketing applicato all’e-commerce.

#1 Personalizzazione

Una campagna di email marketing incisiva ed efficace passa per la profilazione del database, vale a dire l’attività di raccolta ed elaborazione delle informazioni su ciascun contatto: dati anagrafici, attitudini, interessi e precedenti acquisti.
La segmentazione rappresenta lo step immediatamente successivo: una piattaforma professionale come MailUp consente di impostare filtri, tag e contenuti dinamici, imprescindibili per recapitare offerte personalizzate in linea con il profilo di ciascun destinatario.

#2 Deliverability

Tutte le operazioni di profilazione e segmentazione possono essere vanificate se non supportate da un’infrastruttura di invio adeguata. Raggiungere l’inbox del destinatario: questo è il requisito fondamentale di una campagna email.
Qualsiasi sia il suo volume di invio, un e-commerce non può prescindere da una piattaforma in grado di offrire la miglior deliverability possibile. Meglio ancora se integrata a un server SMTP, per inviare email transazionali velocemente e con alto tasso di recapito.

#3 Automation

Messaggi di benvenuto, email basate sulle preferenze e sulle abitudini di acquisto, campagne di post-vendita e up-selling: la comunicazione tra brand e clienti viaggia lungo questo asse. Grazie alle novità nel campo del marketing automation , bastano poche operazioni per configurare un workflow di invii automatici profilati su dati, interessi e attività del destinatario. Un cliclo di comunicazione automatizzato che copre l’intera customer journey, dal primo contatto alla fidelizzazione. Quella dedicata al recupero dei carrelli abbandonati è un’altra fondamentale attività di remarketing che – se condotta al meglio, magari con l’aiuto di coupon e altre offerte –, consente di raggiungere fino a un 20% di tasso di conversione.

come fare remarketing

Questa è solo una panoramica delle best practice di email marketing applicate all’e-commerce. Vuoi approfondire il tema? Scarica la guida gratuita alla pagina dedicata

* Fonte: “E-commerce in Italia 2016”, Casaleggio Associati

Scritto il , ultima modifica


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su MARKETING Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave