15 aspetti da valutare prima di acquistare un Tema WordPress


Quanti acquirenti eseguono approfondite ricerche prima di acquistare un tema WordPress? Meno di quanto si pensi e in questo caso il rimorso dopo aver pagato è assicurato. L’acquisto di un tema dovrebbe essere una decisione informativa e non basata esclusivamente sulle emozioni estetiche. Prima di pagare, bisogna assicurarsi che il nuovo tema valga l’acquisto.

Agli inizi non sapevo nulla di PHP o CSS. Oggi non ne so “quasi nulla” 🙂 ma pur non essendo un designer ho imparato ad andare oltre la semplice grafica valutando una gran quantità di opzioni. Tutto ciò che sembra bello da vedere rende i siti lenti e “odiati” – non solo dai motori di ricerca – ma anche dagli utenti (usabilità). In passato ho acquistato temi senza prestare attenzione a troppe cose come ad esempio la presenza di un supporto di sviluppatori.

I criteri da considerare prima di acquistare un tema WordPress

1. Estetica: Quali sono le vostre esigenze?

Prima di tutto è necessario assicurarsi che il tema corrisponda all’aspetto grafico desiderato e di cui si ha veramente bisogno. Si potrebbe acquistare un tema e poi adattarlo ma la cosa non è così semplice. Informatevi sulla possibilità di modificare colori, dimensioni e altri elementi. Prendetevi il tempo per trovare un tema che soddisfi almeno l’80% della vostra visuale, il layout e le esigenze di contenuto.

2. Avete bisogno di un tema per siti web o blog?

Alcuni temi WordPress sono progettati per ospitare i blog e altri i siti web. Mentre si può prendere un tema progettato per un sito web e convertirlo in un blog, è difficile fare il contrario. Se avete bisogno di un tema per un blog, cercate quelli che specificamente si adattano a questo scopo. I miei preferiti sono quelli “drag and drop“.

3. Meglio un tema WordPress datato o un nuovo prodotto appena uscito sul mercato?

Ci sono vantaggi e svantaggi connessi all’acquisto di un nuovo tema ed uno più “anziano”. Quelli nuovi forniscono freschezza ma possono anche presentare alcuni bug. Gli sviluppatori non possono considerare ogni cosa che un utente farà (o desidera fare). Onestamente parlando, è impossibile pensare a tutto. Senza dubbio ci saranno bug e opzioni dimenticate che verranno migliorate in seguito con le segnalazioni dei primi acquirenti.

I temi più anziani mostrano sicuramente un minor numero di bug, un sacco di opzioni e codifiche collaudate per ospitare i plugin più popolari. L’aspetto negativo è l’assenza di aggiornamenti.

Considerare la sicurezza o la novità assoluta è certamente parte del vostro fattore decisionale.

4. Il vostro tema ha bisogno di lavorare con la versione più aggiornata di WordPress?

Diciamo subito una cosa. Si dovrebbe avere sempre la versione più recente di WordPress installata. Offrire funzionalità di sicurezza e tenere il passo con gli aggiornamenti è estremamente importante. Detto questo, alcuni temi più anziani potrebbero non supportare le ultime versioni di WordPress creando non pochi problemi. Questo aspetto va assolutamente verificato prima di completare l’acquisto.

5. Il tema supporta le funzioni basi di WordPress?

Assicuratevi che il tema supporti le funzionalità di base come: menu, widget, barre laterali, immagini, home page, singoli post, commenti, pagina 404, ecc.

6. Avete bisogno di diversi layout e colonne?

Anche in questo caso non date nulla per scontato. Esaminate la descrizione del tema e – se possibile – fatevi rilasciare una demo per assicurarvi che i layout sostengano i contenuto che desiderate creare.

7. Il tema supporta il contenuto del blog?

Prima di cercare il tema perfetto, decidete se avete bisogno di uno o due menu. I blogger molte volte ne usano soltanto uno. Necessitate di un footer personalizzato (es. inserimento di widget nel piè di pagina)? La barra di navigazione è abbastanza lunga per ospitare tutte le opzioni del menu principale?

8. Offre la possibilità di creare “chiamate alle azioni”?

Sono un grande sostenitore delle “chiamate alle azioni”. Su ogni sito web o blog il visitatore deve fare qualcosa. Serve un disegno coerente con le opzioni che condurranno a queste chiamate. Prima di scegliere il tema, valutate cosa volete che i visitatori facciano dopo aver letto i contenuti del vostro blog.

9. Il tema è SEO Friendly?

Mentre WordPress è SEO friendly per impostazione predefinita, non tutti i temi aderiscono alle migliori pratiche. Un codice pulito e un’architettura curata del design aiutano a conseguire il miglior posizionamento sui motori di ricerca. Valutate anche se il tema non vada in conflitto con i più importanti ed efficaci plugin SEO. Oltre a questo, che in futuro vi permetta di “migrare” i dati da un tema all’altro o dal vostro tema a un nuovo plugin.

10. Assistenza durante pre-vendita e post-vendita

Conosco persone che comprano un tema e se non gli piace – o lo ritengono difficile da usare – passano ad un’altro senza mai contattare gli sviluppatori. Credo che siano un’eccezione. La gran parte pongono domande prima di acquistare e pretendono di ricevere assistenza come cliente.

In alcuni casi, non avendo tempo o capacità, gli acquirenti potrebbero ottenere dal sviluppatore qualche modifica personalizzata o un servizio di configurazione pagando una quota extra.

11. Ci sono feedback positivi o negativi?

Se i feedback degli acquirenti (o commenti su altri siti) sono disponibili, leggeteli accuratamente. Guardate le problematiche più frequenti, i conflitti tra plugin, reclami ed altro. I migliori servizi di solito mettono a disposizione un forum moderato dagli sviluppatori e dalla community.

Ricordatevi che non ci sarà mai soddisfazione al 100%. Come detto prima, gli utenti con una conoscenza spesso pari a zero, inevitabilmente si troveranno in difficoltà dando l’intera colpa al fornitore.

12. Di quale livello di supporto del browser necessitate?

Molti sviluppatori di temi non supporteranno i vecchi browser a causa dei livelli di programmazione necessaria in quanto incapaci di sostenere gli attuali elementi di design.

Se avete bisogno di un supporto per i browser più vecchi, assicuratevi che il tema venga progettato per adattarsi. Sappiate che questa esigenza verso i browser più vecchi limiterà di molto le vostre scelte.

13. Avete bisogno di una larghezza fissa o un tema “adattabile”?

Il responsive design è un’altra parola “amichevole”. Mentre un sacco di temi WordPress sono stati progettati per essere reattivi, molti non sono sensibili. E’ necessario essere chiari sulle vostre esigenze di mobilità. I temi responsive si ridimensionano automaticamente ai dispositivi in uso.

Prima di innamorarvi di qualsiasi tema, assicuratevi che siano responsive design. Non la considerate un’opzione ma un obbligo. Oltre a questo valutate su quante dimensioni di schermo è adattabile.

14. Il vostro nuovo tema è adatto alla monetizzazione con annunci?

Accogliere gli annunci fa la differenza nel design e il layout generale di un tema. Pensiamo ai quotidiani online. I temi di qualità vengono progettati per ospitare vari blocchi di annunci. Molti blogger li usano come flusso di entrate economiche. Quindi la sostenibilità del tema è davvero necessaria.

Prima di selezionarlo considerate il numero di annunci che vi servono e le dimensione che desiderate visualizzare. Ad esempio la sidebar è abbastanza ampia? Posso adattarla?

15. Qual è il grado di difficoltà nell’uso del tema?

La facilità d’uso è fortemente dipendente dalle competenze dell’utilizzatore. Un’utente che da poco usa WordpPress avrà sicuramente molte più difficoltà rispetto a un veterano. E’ anche vero che – come me – non tutti i blogger che usano WorpPress si occupano anche di design.

Mentre alcuni amano la flessibilità dei contenuti, altri possono trovare il tema eccessivamente travolgente. E’ importante acquistarne uno che vi metta in condizione di realizzare i vostri obiettivi senza lasciarvi storditi e confusi.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su MARKETING Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave