Linkwelove e la Content Recommendation per guadagnare col tuo sito web



LinkWeLove

Fai amare il tuo sito
con la Content Recomandation.

Ottenere buoni risultati dalle campagne pubblicitarie diventa via via più difficile con il trascorrere del tempo. Negli ultimi anni si è assistito alla progressiva diminuzione dell’efficacia delle tecniche di pubblicità e marketing tradizionali. Recenti indagini infatti hanno evidenziato come le tecniche tradizionali di pubblicità portino nel consumatore più diffidenza e indifferenza che effettivo interesse nel prodotto.

In modo particolare i banner non sono più, spesso, un mezzo efficace per diffondere un messaggio promozionale; si è infatti osservato un fenomeno, il banner blindness, che fa si che i banner risultino ormai pressoché invisibili agli occhi di chi naviga in internet.

Lo sviluppo di questa indifferenza verso i banner pubblicitari in internet ha portato ad un duplice effetto. Da una parte gli editori hanno registrato un inevitabile calo degli introiti derivato dalla riduzione del numero di click sui banner; dall’altro gli inserzionisti hanno dovuto trovare nuove tecniche per mantenere un elevato grado di efficienza delle campagne pubblicitarie. Questo significa chiaramente che per ottenere i risultati sperati con una campagna pubblicitaria, è necessario individuare nuove vie da percorrere per mantenere un grado elevato di numero di click garantendo non solo l’efficacia della campagna, ma anche i guadagni ad essa connessi.

Native Advertising

Una prima risposta a questo fenomeno si è avuta con lo sviluppo del cosiddetto native advertising. Si tratta di una nuova forma di marketing, in cui si evita di mostrare apertamente lo scopo della pubblicità. In questo modo i consumatori non reagiscono immediatamente con diffidenza e indifferenza davanti al messaggio promozionale, che risulta all’interno di un testo e che non ha l’aspetto di uno spot. Con il native advertising il messaggio pubblicitario si integra perfettamente all’interno dei contenuti del sito, in modo da colpire la curiosità del lettore senza fargli capire che lo scopo del testo è la vendita diretta di un prodotto.

Content Marketing

Per superare la diffidenza dell’utente, negli ultimi tempi si sente parlare sempre di più di un’ ulteriore nuova tecnica pubblicitaria: il content marketing applicato al web marketing. Con questa tecnica le ditte o le aziende producono dei testi che poi diffondono sul web; questi sono indirizzati direttamente ad uno specifico target, cioè ad una specifica classe di clienti potenziali. Lo scopo di questi messaggi è quello di attrarre i possibili acquirenti, per poi veicolarli fino alla conversione da potenziali clienti ad acquirenti veri e propri.

Content Recommendation

L’unione tra il native advertising e il content marketing, rappresenta attualmente la via più efficace di diffusione di messaggi pubblicitari. Si tratta infatti dell’alternativa all’utilizzo dei banner che porta alla resa maggiore tanto per gli editori quanto per gli inserzionisti. Questa unione tra metodologie pubblicitarie di cui si sente parlare sempre più frequentemente, è la content recommendation che in Italia vede tra i protagonisti la piattaforma di LinkWeLove.it

La content recommendation è uno strumento innovativo che permette di inserire nei siti web contenuti sponsorizzati, senza risultare invadenti. La content recommendation solitamente è gestita da piattaforme online appositamente studiate. Queste piattaforme realizzate ad hoc utilizzano un algoritmo che consente di analizzare i diversi siti partner, per poi inserirvi automaticamente il contenuto sponsorizzato. Generalmente questo contenuto assume la forma di box correlati, che vengono posizionati alla fine di un articolo o di una pagina. Il loro contenuto è inerente al contenuto della pagina in cui viene inserito, risultando per questo motivo interessante per l’utente.

L’idea di base è che un utente che sta consultando una specifica pagina di un sito, sarà interessato a consultarne di simili.

Inserendo un link che rimanda ad un articolo relativo a quello che si sta già leggendo, si invoglia l’utente a cliccare. I box inoltre hanno un aspetto accattivante e che attira facilmente l’attenzione del lettore. L’utilizzo di immagini unite a testi brevi spinge l’utente a cliccare, in quanto delle piccole aree provviste di immagini sono sempre più attrattive e comunicano rapidamente il contenuto che si vuole esprimere. L’utilizzo dei link così evidenziati, va infatti anche a neutralizzare il pericolo che un testo troppo lungo e povero di immagini che mantengano viva l’attenzione del lettore, possa annoiare l’utente vanificando lo scopo del messaggio pubblicitario.

Il testo consigliato a fine pagina rimanda ad un’altra dal contenuto associato a quella sorgente e da lì si può continuare la navigazione, venendo via via indirizzati verso le diverse pagine pubblicitarie vere e proprie. Questa tecnica, come è stato dimostrato, ha un’efficacia nettamente maggiore rispetto ai bannner pubblicitari; portando l’utente a raggiungere volontariamente il messaggio pubblicitario, si annulla il rischio di generare indifferenza o diffidenza e l’utente in questo modo è più facile da convertire in acquirente effettivo.

Vantaggi della content recommendation

I vantaggi della content recommendation sono molteplici. L’inserzionista ha la possibilità di inserire contenuti pubblicitari all’interno dei testi editoriali, in un modo che si è dimostrato estremamente efficace. Il vantaggio dell’inserzionista si manifesta dunque in una maggiore visibilità e un maggiore numero di click sul proprio box. I contenuti del box sono perfettamente in linea con lo stile e i contenuti editoriali del sito in cui vengono inseriti, quindi l’usabilità del sito e il tasso di gradimento da parte dell’utente, sono nettamente superiori. Infine, l’editore ha la possibilità di ospitare i box della content recommendation, continuando tuttavia a conservare lo spazio per i banner. In questo modo può utilizzare si i box, ma senza rinunciare agli introiti derivanti dai banner e generare quindi entrate extra.

Per monetizzare il proprio sito web pertanto individuare la migliore modalità di inserimento di contenuti sponsorizzati è essenziale per avere successo. Nel mercato italiano recentemente si sta sviluppando sempre di più un nuovo network online che si occupa proprio della content recommendation: LinkWeLove.it.

LinkWeLove

LinkWeLove è una realtà sempre più presente sul mercato italiano e ha già stretto contatti con centinaia di editori che già utilizzano la content reccomendation nei loro siti.

LinkWeLove utilizza un algoritmo proprio, sviluppato appositamente per analizzare i siti partner e inserirvi i box sponsorizzati. Questo algoritmo si è rivelato estremamente efficace in quanto capace di individuare facilmente le caratteristiche e i contenuti delle singole pagine cui associare un box sponsorizzato. I box che vengono associati ad ogni pagina sono sempre strettamente legati al contenuto editoriale del sito e l’interesse del cliente è sempre elevato. La reazione degli utenti davanti ai box inseriti dall’algoritmo è sempre positiva; i box infatti offrono all’utente nuovi percorsi di navigazione sia all’interno sia all’esterno del sito.
Questa soddisfazione dell’utente porta quindi un duplice vantaggio all’editore del sito. In primis il guadagno derivato dal numero di click che risulta nettamente maggiorato rispetto ad altre tecniche pubblicitarie. In secondo luogo, si ha un vantaggio indiretto in quanto l’utente tende a permanere nel sito per un tempo maggiore grazie alla navigazione veicolata dai box sponsorizzati.

Vantaggi per gli inserzionisti:

Gli inserzionisti hanno moltissimi vantaggi dall’utilizzo della content recommendation. I costi sono estremamente contenuti e il rientro economico è ampiamente assicurato grazie all’elevata percentuale di conversioni degli utenti. Riassumendo quelli che sono i vantaggi per chiunque voglia promuovere qualcosa su un sito web, ci sono essenzialmente cinque punti chiave da tenere in considerazione.

  • Il posizionamento degli annunci: all’interno della pagina i contenuti sponsorizzati sono posizionati rispettando strettamente quelli che sono i contenuti editoriali che hanno spinto l’utente a scegliere la pagina su cui sta navigando, quindi il tasso di interesse verso il box è sempre elevato.
  • Feedback positivo dell’utente: il messaggio pubblicitario è efficace e conserva la capacità di trasmissione del messaggio all’utente. Benché si tratti di pubblicità, questi box non vengono percepiti come elementi invadenti della pagina, anzi, vengono percepiti positivamente dagli utenti che addirittura li considerano come elementi fortemente positivi nel sito, che conferiscono un valore aggiunto alla pagina invece di diminuirne l’appeal.
  • Percentuale di click: nettamente maggiore rispetto a quella dei banner pubblicitari classici, il che garantisce maggiori introiti dall’inserimento dei box.
  • Tasso di conversione: è molto elevato, in quanto il metodo poco invasivo spinge gli utenti a sentirsi maggiormente coinvolti.
  • Costi: sono estremamente contenuti e il servizio offre un rapporto qualità prezzo ineguagliabile.

Vantaggi per gli editori:

Gli editori web ricevono vantaggi persino maggiori di quelli degli inserzionisti. Tra i vantaggi principali, tutti legati alla maggiore efficienza della content recommendation rispetto alle tecniche classiche di pubblicità sul web, troviamo maggiori incassi e valore aggiunto del sito in forma del tutto gratuita. Riassumendo, l’adesione al network comporta molti vantaggi:

  • Nuove opportunità di guadagno: i publisher che utilizzano sulle proprie pagine i box sponsorizzati non devono rinunciare all’utilizzo di tecniche pubblicitarie tradizionali. Banner e altre inserzioni possono comunque comparire nelle pagine, in quanto i box vengono posizionati generalmente alla fine degli articoli, a differenza dei bannner e le inserzioni che si trovano in aree differenti della pagina. Questo significa chiaramente che i guadagni provenienti dai vecchi sistemi di pubblicità non vengono eliminati, ma si vanno ad aggiungere agli incassi derivati dall’utilizzo della content recommendation. Inoltre come già spiegato, la content recommendation si basa sul rinvio anche a pagine interne al sito stesso, il che significa che un utente passa mediamente un tempo maggiore a navigare all’interno del sito, rendendo il potenziale guadagno nettamente più elevato.
  • SEO: poiché gli utenti grazie ai box permangono sul sito un tempo maggiore rispetto a quanto non farebbero in assenza dei box sponsorizzati, ad aumentare non è solo il guadagno totale a breve termine, ma anche il trust del sito stesso.
  • Personalizzazione dei contenuti: tramite LinkWeLove è possibile per l’editore decidere e gestire la quantità di ADV presenti nel sito. Inoltre c’è la possibilità di decidere il posizionamento dei box all’interno della pagina, in modo da ottenere tutti i vantaggi senza stravolgere l’estetica della pagina e il suo appeal.
  • Libertà di iscrizione: chiunque possieda un blog o un sito web può entrare a far parte del network LinkWeLove e iniziare a guadagnare. Se il servizio non è gradito, altrettanto facilmente si può eliminare il widget.
  • Guadagni elevati: è garantita una remunerazione minima di 8 centesimi di euro per ogni click sui box. Il pagamento viene effettuato in funzione del numero di click, quindi maggiori click sono sinonimo di maggiori guadagni. Il saldo viene calcolato ogni 30 giorni e il payout viene effettuato al raggiungimento della soglia minima di 100 euro. Se la cifra non viene ottenuta in 30 giorni si va a cumulare a quella del mese successivo fino a quando la soglia non viene raggiunta.

 
Per maggiori informazioni consultare www.linkwelove.it

Scritto il , ultima modifica


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su MARKETING Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave