Cos’è il “TV Ad Targeting” su Twitter


twitter-television

Vuol dire connubio tra pubblicità televisiva e advertising sul social network, “TV Ad Targeting“. O anche Twitter Amplify. È l’ultima funzionalità presentata da Twitter nei giorni scorsi, creata sulla base di una pratica nota e analizzata con attenzione: gli utenti twittano, spesse volte, in merito a ciò che stanno seguendo in TV. Dai 140 caratteri al piccolo schermo, il legame sembra essere forte e, soprattutto, si rivela interessante in termini pubblicitari.

Pensate al Super Bowl, evento che su Twitter ‘vive una seconda volta’. I 24 milioni di tweet che hanno riguardato l’edizione di quest’anno, lo testimoniano.

“TV Ad Targeting”, dunque. Significa che per i brand che aderiranno, si creerà la possibilità di interagire in maniera diretta con gli utenti che, in quel momento, hanno visto lo spot in televisione. La funzionalità sfrutta i Promoted Tweet, oltre a fornire agli inserzionisti un pannello di gestione per sapere quando il loro spot è stato trasmesso. Una volta individuata la fascia oraria, la stessa azienda pubblicitaria potrà risalire, tramite un hashtag specifico, a coloro i quali hanno visto quello spot. E interagire con gli spettatori.

Il concetto è lo stesso del Super Bowl: lo spot ‘vive una seconda volta’, continua sul web e non si limita ai pochi secondi televisivi. Il brand va dagli utenti. Li cattura, sfruttando un mediatore qual è, in questo caso, Twitter.

Al programma Amplify hanno già avuto accesso grossi marchi americani, quali Bloomberg TV (@BloombergTV), Clear Channel Media & Entertainment (@iHeartRadio), MLB.com (@mlb), Time Inc. (@Time_Inc), VEVO (@VEVO), Warner Music (@warnermusic) o WWE (@WWE). Per tutti gli altri, nel mondo, non sono stati specificati tempi di lancio: Twitter prosegue i test sulle novità riguardanti l’advertising. A successo riscontrato, sarà lecito attendersi l’estensione delle funzionalità al mercato europeo, Italia compresa.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su MARKETING Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave