I dati Nielsen sulla pubblicità in Italia, a Gennaio


NielsenUn calo complessivo del -15,3% è stato registrato da Nielsen nel mercato pubblicitario italiano, nel mese di Gennaio.

Il dato è stato diffuso da Reuters questa mattina, assieme ai numeri suddivisi per settori e relativi all’advertising nel Bel Paese. Curioso, in primo luogo, come il calo sia stato registrato “in piena campagna elettorale”. E ancora: “Un dato che, se pur peggiore rispetto all’anno appena concluso, testimonia un trend di riduzione della decrescita se confrontato con il -18% del solo Dicembre 2012”, si legge nella nota di Nielsen.

Sul versante del Web, la crescita è del +9,3% e arriva dopo due mesi, Novembre e Dicembre, in netto calo: i decrementi erano pari rispettivamente al -7,3% e al -10,5%. E stiamo parlando dell’unico settore in crescita. Del resto, lo hanno dimostrato anche le iniziative, sempre in ambito elettorale – ma non solo, ovviamente -, dei candidati alla Presidenza del Consiglio. I loro comportamenti online, mai così costanti, aldilà dell’efficacia e dell’influenza esercitata sul voto degli italiani, hanno indubbiamente fatto parlare e discutere.

Tornando alle rilevazioni Nielsen, “i quotidiani confermano il trend negativo con -25%, così come i periodici (-25,1%). La tv nel suo complesso segna un -16,1% con andamenti negativi per tutti gli operatori. Unica a crescere la piattaforma digitale terrestre. La radio, se confrontata con il -11,4% di dicembre, sembra tenere (-2,2%) ma è ancora presto per dire se si tratti di un reale punto di svolta”.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su MARKETING Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave